Cina: via il PIL, il benessere si valuta con ambiente e la povertà.

Che la ricchezza non basti a misurare il benessere non è una novità, ci sono infatti  vari tentativi nel mondo, di sostituire il Pil con altre misurazioni, come quella della “felicità” scelta dal Buthan. Ma ora è la Cina a muoversi, con oltre 70 città e distretti che hanno  abbandonato il Prodotto interno lordo come misura della performance locale, ponendo attenzione sull’ambiente e sulla riduzione della povertà,  proprio quando  l’OCSE progetta di sostituire il Pil con il suo Better Life Index.

Fujian, provincia costiera finora concentrata sulla movimentazione delle esportazioni e il manifatturiero,  ha annunciato che sostituirà il Pil con indici sull’agricoltura e la protezione dell’ambiente in 34 dei suoi distretti. Nei mesi scorsi è stata la volta di Hebei, distretto siderurgico a nord di Pechino, e Ningxia, regione povera del nord est della Cina. A Hebei l’obiettivo è ora quello di ridurre le fabbriche che producono smog (lo smog che affligge anche Pechino, a un centinaio di chilometri, che a sua volta sta chiudendo i suoi impianti più inquinanti).  Via dunque cementifici, acciaierie e centrali elettriche. In più, c’è un piano di lotta alla povertà e per lo sviluppo rurale, con l’obiettivo di ridurla a zero en628x471tro il 2020. Le aree di Guangxi, Guangdong e Jiangxi hanno a loro volta rallentato la corsa alla crescita del Pil, e incoraggiano terziario e primario, con servizi, allevamenti e trasformazione non industriale dei suoi prodotti.  La stessa Pechino ora si vanta di aver chiuso nel primo semestre dell’anno ben 213 aziende inquinanti.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *