Conferenza stampa di presentazione del libro: “PERCHÉ L’AMAZZONIA CI SALVERÀ” di Giuseppe Buffon

L’evento

Si è svolta ieri, nella prestigiosa cornice della Sala dei Presidenti di Palazzo Giustiniani presso il Senato della Repubblica la conferenza stampa di presentazione del libro: “PERCHÉ L’AMAZZONIA CI SALVERÀ” di Giuseppe Buffon. Madrina dell’iniziativa la Senatrice Patty L’Abbate, capogruppo M5S della 13ª Commissione permanente (Territorio, ambiente, beni ambientali) e della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. Oltre che impegnata nell’attività politica, la senatrice L’Abbate è anche Dottore di ricerca in economia e gestione delle risorse naturali.

Il libro

Quest’anno, gli incendi in Amazzonia hanno scosso l’opinione pubblica mondiale. Dobbiamo salvare il polmone verde del Pianeta. Allo stesso tempo, l’Amazzonia può salvare noi con il suo immenso patrimonio di vegetazione, acqua e biodiversità ma anche con l’arcana sapienza dei popoli che la abitano, veri custodi della foresta.

Nel solco dell’Enciclica Laudato Si’, Papa Francesco ha convocato dal 6 al 26 ottobre il Sinodo Panamazzonico, per ascoltare le voci dell’Amazzonia e mettere al centro la Madre Terra.

Il Parlamento e il Governo italiano sono chiamati a realizzare un Green New Deal, a partire da misure efficaci per contrastare riscaldamento globale e mutamento climatico. Proprio su tale punto, in apertura di lavori la promotrice dell’incontro, la Sen. L’Abbate, ha sottolineato l’importanza della politica “verde” avviata dal nuovo Governo che prevede una serie di azioni ed investimenti green con premialità che saranno concesse alle realtà virtuose, così da essere volano di cambiamento. Ma per fare ciò è necessario cambiare le quotidiane abitudini, non solo come consumatori ma anche come produttori. Anche la produzione, infatti, deve adattarsi a quello che compriamo, con rinnovati metodi di realizzazione dei prodotti finali maggiormente ecocompatibili e riciclabili”.

Il Prof. Giuseppe Buffon ofm, decano di Teologia della Pontificia Università Antonianum, autore di “Perché l’Amazzonia ci salverà – Francesco, la Madre Terra e il futuro dell’Occidente”, dato alle stampe lo scorso mese di agosto ha dichiarato: “Si tratta di ascoltare una realtà altra. E’ attraverso l’altro che si può ritrovare sé stessi, vedere la nostra realtà da un punto di vista alternativo. Il tema Amazzonia, il sud del mondo, che fornisce risorse e subisce una aggressione colonialista del nord, ripropone un problema interno alla nostra Italia, dove è ancora forte le sperequazione Nord-Sud! Riaprire dal Sud, secondo la proposta di Papa Francesco, e non per fare del Sud il problema, bensì la risorsa; ripartire dal Sud, per guardare il centro eventuale dalla prospettiva della periferia; riporre cioè il tema delle gerarchizzazioni geografiche, culturali, sociali e politiche, mi sembra importate anche per l’Italia. Occorre recuperare una scuola di pensiero capace di individuare il Paese reale, e la realtà del Paese, per evitare di fermarsi sulla soglia dell’assistenzialismo”.

Il Rettore  della Pontificia Università Antonianum, prof. Agustin Hernandez, presente anch’egli all’iniziativa, ha ripreso l’appello rivolto da papa Francesco, e contenuto nella Laudato si’, un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Secondo il Rettore si avverte – adesso come non mai – la necessità di avviare un confronto capace di unire tutti, perché – in linea con il pensiero del Pontefice – la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti.

Presente anche il Senatore Andrea Ferrazzi della Commissione Ambiente di Palazzo Madama.

Ha concluso i lavori la Senatrice Patty L’Abbate con un invito al Paese intero a “mettere in campo azioni all’interno di un patto Globale capace di contrastare efficacemente i nuovi drammi della terra, tra cui il cambiamento climatico. Purtroppo non abbiamo più tempo. L’Amazzonia ci salverà se noi faremo la nostra parte”.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *